scie chimiche italia banner

Scie Chimiche Italia

scie chimiche Benvenuti al blog / foto gallery dedicato alle
Scie Chimiche in Italia
.

Scie chimiche, non scie di condensazione.


Le scie di condensazione emesse dagli scarichi degli aerei sono corte e durano al massimo 10 minuti, poi scompaiono. Le conosciamo tutti. Anch'io le conosco bene, perche' ho vissuto per 30 anni a due passi da un aeroporto.

Dal 2001 sono comparsi aerei non di linea, che volano ad alta quota ed emettono da scarichi speciali lunghe scie bianco sporco, che persistono nel cielo anche mezza giornata e si allargano. In inglese si chiamano "chemtrails", in italiano le chiamiamo scie chimiche.

A volte disegnano reticoli e/o triangoli nel cielo. Quelle scie poi si allargano e coprono tutto il cielo, che diventa lattiginoso e di colore grigio/bianco sporco.

Spesso la luce del tramonto colora le scie chimiche di rosa. Nei giorni in cui accadono questi fenomeni di spray, le analisi dell'aria rivelano un aumento improvviso e totale di sostanze chimiche, tra cui sali di bario e alluminio, e in alcuni casi sostanze biologiche, come globuli rossi essiccati (sangue secco), muffe, tossine e altro.

Questo fenomeno di massa e' iniziato nel 1996 negli USA.

Dal 2000 si verifica anche in Europa, soprattutto nei paesi NATO.

Cercando negli archivi fotografici, tuttavia, alcune scie chimiche "primordiali" sono state individuate anche nel 1996 e 1992 in Europa, e prima ancora negli USA.

-> Chi sta conducendo questo gioco enorme?

-> Chi ha le risorse finanziarie per spruzzare i cieli di mezzo mondo - e riempire i nostri cieli di scie chimiche italiane?

-> Chi convince i meteorologi che sono scie di condensazione, quando invece - basta alzare la testa al cielo e guardare - si tratta di scie chimiche?

-> Perche' cospargerci le teste di materiali nocivi?

-> Perche' un militare di carriera non ha negato ma ha specificato che le scie chimiche "sono innocue"?


Echeggiano le parole di Morpheus in Matrix:

"Non sappiamo chi colpi' per primo, se noi o loro.
Sappiamo pero' che fummo noi ad oscurare il cielo."


Di certo non e' l'associazione degli amici del quartiere che finanzia tutto questo. L'organizzazione che sta dietro deve avere ingenti risorse a disposizione.

Governi, militari, complesso militare-industriale?

In ogni caso, ricordiamoci che i governi hanno bisogno dei nostri voti per restare in carica.

Ricordiamoci che le grandi aziende sovranazionali hanno bisogno dei nostri soldi per andare avanti.

E che i nostri militari hanno bisogno di
persone per mandare avanti qualsiasi progetto.

Senza il nostro appoggio - anche tacito - qualsiasi progetto si ferma.

Il potere e' in mano nostra.

Usiamolo.

* * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * * *

giovedì 31 luglio 2008

Un manifesto per raggiungere tutti



Lui si chiama Raffael di Leonardo, è tedesco e ha avuto una bella idea per informare la genta della sua città (Graz - Austria) sul problema delle scie chimiche. Raffael ha investito 500 euro per far affiggere un manifesto da lui ideato per due settimane lungo una strada traffico intenso.

Nelle settimane successive, racconta nel suo blog (http://alles-schallundrauch.blogspot.com/2008/06/wie-eine-plakataktion-mehr-menschen.html) ha ottenuto risultati impressionanti. Prima dell'affissione aveva provato a contattare giornali e tv, ma senza alcun risultato (e noi italiani possiamo comprenderlo perfettamente...); invece, subito dopo l'affissione, ha cominciato a ricevere telefonate e mail sia dai canali d'informazione, sia dalla gente comune.

E' probabile che sentiremo ancora parlare di lui, visto che, dopo questo enorme successo, ha dichiarato che farà il bis.

In Italia le affissioni non costano molto, soprattutto se si scelgono manifesti 70x100 o 100x140. Basta chiamare il comune, farsi passare l'ufficio affissioni e prenotare gli spazi.
Per il manifesto in sé occorre avere una o più foto ad alta risoluzione di scie chimiche, avere installato un programma di grafica per impaginare e una tipografia poco cara (magari il padre di un vostro amico fa il tipografo, oppure basta mettersi in due o tre e tirare su qualche soldo).

Insomma, i mezzi per replicare il manifesto sulle scie chimiche anche qui in Italia, è facile e poco costoso... E credo che sia arrivato il momento di passare alla pratica :)

Buone vacanze!

17 commenti:

Anonimo ha detto...

Oppure si potrebbe anche lasciare perdere visto che le scie chimiche non esistono. Quei soldi potrebbero essere usati per miglior causa, ad esempio per un pozzo in darfur, o per una adozione a distanza... o per gli alberi dell'amazzonia, per i parchi naturali, le riserve del Fai...

Anonimo ha detto...

bravo,
visto che non ci credi lascia agli altri la libertà di esprimere le proprie idee ed apriti un blog su questioni che ritieni importanti
p.s. se non ci credi perché insistere nei blog/siti "fantasiosi"....

anguilla

Anonimo ha detto...

Mi piace l'idea.
Voi l'avete applicata?

Giovanni ha detto...

Mi scuso per l'ennesima volta con i gestori di questo blog se vado leggermente OT, ma come al solito, se siamo alla ricerca della verità, cerchiamo di aggirare la censura.
Vorrei dunque cercare di raggiungere Vibravito e loryyy69 in particolare... ed essendo una parte del titolo "per raggiungere tutti"... ecc ecc

Abbastanza giri di parole. Quello che volevo dire riguarda il post di Straker su Phil Jones.
Straker, come al solito, pur di non ammettere di aver compiuto un errore, si prodiga in arrampicate sugli specchi e menzogne.

Infatti, apparentemente, Phil Jones è un nome abbastanza comune, ed è stato un semplicissimo caso di omonimia, come gli avevo cortesemente segnalato sul suo blog (segnalazione che è stata censurata). Altri si sono prodigati di più e hanno scritto una lettera al climatologo, che ha smentito di essere lo stesso, dicendo che è un nome piuttosto comune.

L'altro Phil Jones (true_brit58) che si è trasferito in danimarca nel 1994 sembrerebbe essere abbastanza attivo sul fronte delle scie chimiche, e ha scritto diversi articoli su argomenti correlati, mi pare, e dovrebbe essere insospattabile (nel senso: non un debunker).

La lettera probabilmente non è apparsa inizialmente su macedonia online, bensì su rense.com, dove appare come lettera spedita direttamente da Philip Jones a Jeff Rense (http://www.rense.com/general82/sduh.htm). Rense dovrebbe essere insospettabile (sempre nel senso: non è un debunker).

In nessun luogo (escluso il blog di Straker) ho trovato scritto che quel Philip Jones fosse un climatologo, né in nessun luogo veniva fatto intendere. (Quest'ultima cosa per giustificare il mio dire che Straker ha mentito, infatti lui dice "hanno attribuito la lettera ad un climatologo").

Penso possiamo convenire si sia trattato di un semplice errore, che si poteva risolvere con un "scusate mi sono sbagliato", la cui veridicità (o meglio non veridicità) esula dall'eventuale scontro tra chi sostiene l'ipotesi delle scie chimiche e chi no, ma diventa una semplice questione di onestà.

Per il resto, nonostante io non mi consideri un "debunker", Vibravito, vado in vacanza questo giovedì, proprio in danimarca, a farmi una lunga rievocazione storica.

Giovanni

Riccardo ha detto...

Chiedo scusa se approfitto di questo spazio, cercherò di non abusarne, ma visto che sono stato io a tirare in ballo per primo la faccenda di Jones credo di dover dire anch'io qualcosa.
Come sempre ammiro la correttezza e la cortesia di Giovanni, ma non posso essere d'accordo con lui. Per due ragioni. La prima è che il messaggio non è stato solamente riportato, prendendolo dal sito rense.com o da quello di Macedonia on line: è stato costruito, aggiungendogli cose che una persona corretta non si sarebbe mai sognato, come il logo dell'Università dell'East Anglia e la fotografia del presunto autore. Un minimo, dico un minimo di correttezza avrebbe implicato una richiesta di autorizzazione ai rispettivi proprietari.
Secondo, quando la storia è stata scoperta, e incontrovertibilmente smentita, il suo autore si è inventato un'ulteriore impossibile panzana, e cioè che fossero stati i cosiddetti debunker* a ordire la faccenda. Questo, mi dispiace Giovanni, dimostra la più profonda malafede. Come errore non sta in piedi.
Permettetemi di citare markogts, che diceva a proposito del Jones climatologo: Anche a me è parso che si tratti di uno scienziato con i contro*****. Se uno così mi venisse a dire che le chemtrails esistono, comincerei a dubitare anch'io delle mie convinzioni. Ed è su questo che puntano i bros. Come si dice a Milano, "se la va la g'ha i gamb". Se andava, era un bel colpo. Ma non è andata.
Per quanto poi riguarda coloro, mike in particolare, che hanno inizialmente plaudito scrivendo i messaggi che tutti possiamo leggere, beh, io se fossi in loro sarei un filino incavolato: incavolato per essere stato preso in giro da straker con un messaggio completamente falso (onore a quelli che avevano subodorato qualcosa), e incavolato per essere stato preso in giro una seconda volta con la smentita, che è ancora più falsa, come anche Giovanni ha dimostrato.

Riccardo

* Debunker non è un termine dispregiativo, anzi implica un desiderio di fare chiarezza e di trovare la verità.

Giovanni ha detto...

Rimango convinto che inizialmente non si trattasse di malafede, ma della solita, immancabile, mancanza di metodo e di controlli.
In realtà non so se la svista sia stata della Stalinger o di Straker, ma entrambi hanno commesso l'errore. In realtà, bisognerebbe anche chiarire che cosa si intenda con malafede, termine caro a Straker. Quello che intendo dire io, è che Straker fosse inizialmente realmente convinto che la persona che ha scritto la lettera fosse il climatologo. Questo denoterebbe, come ho detto, noncuranza, mancanza di metodo, approssimatività, ma non malafede.

Per il resto, moltissimi termini non sono dispregiativi in base al significato "da dizionario" ma lo diventano per significato attribuito in certi contesti. Ma rimane che il mio interesse principale non è fare "debunking", e per questo motivo non mi penso come tale...

Giovanni

markogts ha detto...

Art. 658
- Procurato allarme presso l'Autorità -
Chiunque, annunziando disastri, infortuni o pericoli inesistenti, suscita allarme presso l'autorità, o presso enti o persone che esercitano un pubblico servizio, è punito con l'arresto fino a sei mesi o con l'ammenda da lire ventimila a un milione.

Auguri!

grif ha detto...

Costituzione italiana - Art. 21.

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

markogts ha detto...

E chi ti vieta di manifestare il tuo pensiero (distorto)? Quello che non puoi fare è terrorizzare la gente con bufale, il giorno che lo fate con dei manifesti riderò di gusto a vedervi cercare di convincere il giudice che le scie esistono. Il perito di parte sarà il mitico ing. Fenu, immagino.

Certo, fare un manifesto scrivendo "penso che le scie chimiche esistano" non rende bene come "ti stanno avvelenando". Però è questa la sottile differenza tra la legge che ho citato io e la costituzione che citi tu. Comunque, andate pure avanti, poi il giudice deciderà e vedremo chi riderà.

gaia ha detto...

markogts
il manifesto tedesco non afferma "ti stanno avvelenando", ma chiede "l'ambiente è manipolato?"
vedi la differenza?
questo per te sarebbe 'procurare allarme annunciando disastri inesistenti'?
per quanto mi riguarda, quel manifesto è perfettamente legale, per la legge tedesca non so, ma per l'italiana sì.
ciao

markogts ha detto...

Gaia, non devi convincere me, semmai qualche giudice. Affiggete pure. Come ho già detto, AUGURI!

gaia ha detto...

Non ho certo scritto per convincerti, caro. Ricambio calorosamente gli auguri.

Anonimo ha detto...

Cosa sono le scie chimiche?
Tutti noi abbiamo sempre visto delle scie in cielo lasciate dagli aeroplani, e ci è sempre stato detto che sono prodotte dalla condensa. In realtà, una setta segreta formata dalla Lobby Ebraica, l'Opus Dei e dalla CIA trama nell'ombra allo scopo di riempire i cieli di lineette bianche che si possono distinguere dalle normali linee bianche perché sono strane.

Ecco come riconoscere una scia chimica:


Cosa sono le scie chimiche?
Tutti noi abbiamo sempre visto delle scie in cielo lasciate dagli aeroplani, e ci è sempre stato detto che sono prodotte dalla condensa. In realtà, una setta segreta formata dalla Lobby Ebraica, l'Opus Dei e dalla CIA trama nell'ombra allo scopo di riempire i cieli di lineette bianche che si possono distinguere dalle normali linee bianche perché sono strane.

Vanno da una parte all'altra dell'orizzonte, quando gli aerei normali invece non attraversano l'orizzonte, ma si teletrasportano magicamente nella posizione desiderata.
Permangono nell'aria molte ore, mentre quelle normali dopo un po' lampeggiano e spariscono.
Se ne contano decine nello stesso tratto di cielo, mentre i normali aeroporti fanno partire due o tre aerei al giorno.
Formano dei reticoli, quando una legge speciale impedisce agli aerei di seguire rotte che si intersechino.
Appaiono molto spesso in questo decennio, quando è risaputo che dieci anni fa i voli aerei erano usati quanto adesso.
Si espandono, anche se tutti sanno che i gas e i vapori non possono mai cambiare forma o dimensione, specie se ad alta quota e sottoposti al vento
Vengono lasciate da misteriosi aerei senza insegne mentre chiunque, dal basso, può leggere la scritta "Alitalia" su un aereo che vola a migliaia di metri dal suolo. Inoltre Superman era lì e ha confermato.
Sono vistose, perché colorate artificialmente, infatti ogni cospiratore che si rispetti le colora per rendere ben visibile il piano nascosto che sta attuando. Inoltre gli agenti del complotto non possono farle di notte evitando di essere visti, perché non si abbronzerebbero ad alta quota come ora.
È dunque chiaro, oramai, che le scie chimiche sono una realtà di fatto. Ma andiamo avanti a svelare tutti gli elementi di questa oscura vicenda...

RDR

Francesco Sblendorio ha detto...

@Virginia Lupetta:

Ti propongo un'idea molto, molto più interessante: visto che siete seriamente intezionati a raccogliere fondi per contrastare il presunto fenomeno delle scie chimiche, potreste con questi soldi noleggiare un aereo (e magari anche un chimico), andare in quota, prelevare del materiale ed analizzarlo.

In questo modo, dai risultati negativi che ne verrebbero, sareste tutti più contenti.

Che ne dici?

P.S. A proposito di "Luigi Fenu":

Qualcuno può fornire un link di un sito, o l'indicazione di un libro, di Luigi Fenu in cui espone la sua teoria?

Ho cercato in lungo e in largo con Google, ma trovo solo siti che NON sono di Luigi Fenu, e che dicono "Luigi Fenu ha detto che...".

gg ha detto...

tale modo di operare è perseguibili penalmente dalla legge. Reati quali "procurato allarme", "abuso della credulità popolare" sono delle truffe.
Attenzione gente che qui finisce male per voi.
www.riosaeba78.altervista.org

Anonimo ha detto...

Dai Virginia, comincia tu. Poi facci sapere come è andata.

BaygonVerde

3wd ha detto...

Leggendo questo e altri blog ho ritrovato la speranza che il genere umano non si auto-distruggerà, perlomeno in tempi brevi: ho infatti constatato che non tutti si sono bevuti il cervello!
Vedere complotti anche dove PALESEMENTE non ce ne sono è da paranoici!! Il vero complotto di chi sta in "alto" (non solo Bush, gli ebrei o l'Opus Dei, ma anche il datore di lavoro, l'amico fidato di turno o magari il caro Beppe Grillo) è l'estrema facilità con cui condizionano il prossimo, riuscendo ad ottenere consensi, denaro e quindi potere. Sapete qual'è il segreto che permette a pochi il controllo su molti? La paura! Chi è quel fesso che spenderebbe miliardi per creare una fantomatica organizzazione composta da chissà quante persone, per alla fine contaminarci dal cielo? La semplicità sta proprio nel fatto che lanciando un allarme del tipo "non tutte le scie degli aerei sono dovute alla condesazione", magari utilizzando un banalissimo blog e quindi insinuando la paura nel lettore, si ottiene lo stesso risultato senza spendere una lira!
Il "procurato allarme" da parte del singolo è punito dalle autorità, ma se sono le autorità a farlo chi le punirà? Non sicuramente i presunti "liberi pensatori" che stanno col naso all'insù, fotografando le "scie chimiche". Un tempo c'erano le Grandi Guerre, poi quelle Preventive, tra poco le guerre non serviranno più: con tutta questa gente che si fa prendere dal panico, dando retta a 'ste balle colossali, ci stiamo suicidando!!
Giusto per capire di che bufala si tratta, date un occhio qui: http://www.md80.it/approfondimenti-2/la-cospirazione-delle-scie-chimiche/